Dott. Alessandro Argenziano

pediatra


LA TOSSE

 

La tosse è un meccanismo fisiologico che consente l’espulsione di materiale irritante dalle vie aeree, come per esempio microbi, inquinanti ambientali (il fumo in casa, lo smog fuori casa) e pertanto la tosse rappresenta un primo meccanismo di difesa

In pratica, il materiale irritante presente nelle vie aeree viene avvolto dal muco ed espulso tramite i colpi di tosse.

La tosse più frequente nei bambini è la cosiddetta tosse acuta che dura pochi giorni (5.10), è in genere preceduta dal raffreddore ed è quindi collegata a un’infezione respiratoria, spesso di tipo virale, talvolta può essere associata a febbre non elevata  nei primi due-tre giorni.

 

La tosse è molto frequente nei primi anni di vita, specie nei bambini che vanno al nido o alla scuola materna, vero ‘ricettacolo’ di virus e germi, che colpiscono proprio i più piccoli, che hanno un sistema immunitario ancora immaturo e quindi sono più indifesi di fronte alle infezioni. Si calcola che in media i bambini contraggono 6-8 infezioni virali a carico delle vie respiratorie superiori ogni anno, che sono accompagnate generalmente a tosse.

La tosse acuta si riconosce perché è particolarmente presente nelle prime ore dell’addormentamento e al mattino, quando il bambino si alza dal letto. A determinarla infatti è lo scolo di muco dalle fosse nasali nella gola, che si verifica durante i cambiamenti di posizione, come accade quando il bambino assume la posizione sdraiata o quando al mattino passa alla posizione eretta, causando in entrambe le situazioni un movimento delle secrezioni nella faringe.

La tosse si presenta all’inizio secca, per poi evolvere dopo qualche giorno in tosse grassa, a causa della progressiva produzione di muco da parte delle ghiandole mucipare presenti nelle vie aeree.

La tosse acuta raggiunge l’acme nell’arco di due-tre giorni dal suo esordio, causa magari due-tre notti insonni per i risvegli continui (talvolta accompagnati anche da vomito). Il disturbo si risolve nel giro di una settimana.

Per quanto detto finora possiamo ribadire che la tosse, meccanismo naturale di difesa per l’organismo, NON VA BLOCCATA.

Quello che possiamo fare è cercare di alleviarne i fastidi con questi piccoli accorgimenti:

  1. Effettuare più volte durante il giorno la pulizia delle cavità nasali con la soluzione ipertonica fisiologica
  2. far dormire il bambino con la testa un po’ più sollevata rispetto al solito, magari inserendo sotto al materasso un cuscino aggiuntivo;
  3. se il bambino è collaborativo umidificare le vie aeree facendo al piccolo degli aerosol con la soluzione fisiologica (senza l’aggiunta di altri medicinali!): il vapore inalato aiuta a sciogliere il muco.
  4. dare da bere in abbondanza al piccolo, perché i liquidi fluidificano il muco;
  5. somministrare latte caldo, magari addolcito con miele (dopo l’anno di vita) che aumenta la fluidità del muco e allevia il fastidio avvertito dalla gola irritata.
  6. non fare mai soggiornare il bambino in luoghi in cui si fuma. E occhio anche al fumo di terza mano: quello che si attacca ai vestiti e ai capelli. Per cui, se dopo aver fumato all'esterno (in terrazzo o in giardino), rientrando in casa si prende in braccio il figlio o la figlia, inevitabilmente inalerà le sostanze che si sono attaccate agli abiti e sono irritanti per le prime vie aeree. Il consiglio quindi, per la salute di tutti, è smettere di fumare!
  7. AREARE LA STANZA E TEMPERATURA FRESCA (Mai sopra i 20°cC)

 

Il pediatra va contattato se:

  • la tosse si accompagna a una frequenza respiratoria elevata oppure ad affanno respiratorio
  • la tosse è accompagnata da febbre elevata da 2-3 giorni oppure la febbre si è ripresentata dopo 2-3 giorni di remissione,
  • la tosse dura da più di tre settimane.

 

In conclusione nella maggior parte dei casi, però, la tosse è solo un fastidio passeggero, che si accompagna a una delle numerose infezioni delle prime vie aeree che possono colpire soprattutto i più piccoli (che non hanno ancora sviluppato un ‘bagaglio’ sufficiente di anticorpi) e soprattutto durante la stagione autunnale e invernale. Ricorrere subito ai farmaci per eliminarla può essere controproducente e dannoso

 

Immagini usati
leaf / 2352041 - Pefkos [fotolia.com]
Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!